Produzione semplificata grazie alle macchine modulari – EMAG alla EMO 2015

EMAG GmbH & Co. KG
Aggiungi ai preferiti

Lo stand EMAG alla prossima Fiera EMO 2015 (al Pad. 4 - Stand B23) sarà totalmente dedicato al concetto di macchine modulari, cioè ad una tipologia di macchina configurabile per le più svariate esigenze di produzione e dotata di sistemi di automazione standardizzati, per il collegamento di più macchine in modo veloce ed efficiente. Lo scopo è ottenere un sistema di produzione completo mediante un concetto di macchina innovativo, in grado di lavorare anche particolari di grandi dimensioni.

In breve: EMAG dimostrerà come le macchine modulari siano in grado di aumentare la produttività e semplificare il processo produttivo.

La gamma di macchine modulari EMAG si è sviluppata nel tempo e oggi è davvero considerevole: dai classici torni verticali per pezzi a sbalzo (macchine VL) e alberi (macchine VT), alla dentatrice a creatore verticale VL 4 H; dalla sbavatrice verticale VLC 100 C al centro di tornitura e rettifica verticale VLC 100 GT, fino alle macchine per la tempra a induzione della serie MIND di eldec, al sistema di saldatura laser della serie ELC e alle macchine PECM – oggi EMAG offre la macchina giusta per quasi ogni applicazione e tecnologia.

Standardizzate, flessibili, modulari

Il concetto di macchine modulari è stato sviluppato con l'intento di realizzare una tipologia di macchine che permettesse agli ingegneri di processo di progettare linee di produzione in modo molto semplice, garantendo una qualità e una produttività pari a quelle tipicamente offerte dalle macchine EMAG.

Ne è scaturito così un concetto di macchine in grado di combinare i comprovati punti di forza delle macchine EMAG, cioè l'automazione pick-up e la qualità della lavorazione, con l'ampia gamma di tecnologie del Gruppo EMAG.

Struttura standardizzata per processi semplificati

Ad accomunare le macchine modulari è la medesima struttura di base, dietro la quale si cela una "strategia di standardizzazione dei pezzi", ciò significa che, anche per le macchine che prevedono l’integrazione di tecnologie differenti, è possibile utilizzare in molti casi i medesimi pezzi di ricambio, riducendo fortemente i costi di stoccaggio.

Unitaria è anche la struttura compatta delle macchine che, grazie all'automazione integrata, presenta un ingombro estremamente ridotto.

Produzione semplificata grazie alle macchine modulari – EMAG alla EMO 2015

Ricerche correlate